PAGINA DELL'ARTISTA MIRELLA RAGANATO ( RAMI )

-clicca per ingrandire
 
Cenere 10  
   
   

 

Pittrice, scultrice, maestro iconografo, decoratrice, Mirella Raganato in arte Rami, nasce a Copertino (Lecce) nel 1958, si laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università del Salento nel 1983 e consegue un Master in Biblioteconomia presso l’Università della Tuscia, Viterbo nel 2001. Giovanissima, si accosta alla pittura studiandone le tecniche tradizionali prediligendo dapprima i colori ad olio per poi sperimentare l’indomabilità dei colori acrilici. Nel 2007 studia scultura e iconografia e nel 2009 consegue l’attestato di “Decoratore Iconografo” presso l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano, Foggia. L’Accademia Santa Sara di Alessandria le conferisce il diploma di “Maestro d’Arte” nel 2012, il titolo accademico “Dottore in Arte Honoris Causa e Premio EuropArt” nel 2015, il titolo di “Gran Maestro dell’Arte Italiana di Chiara Fama Internazionale” nel 2016. Nel 2018 ha partecipato al “Progetto Paolo Levi – 1^ Scelta”, ed è inserita nell'Archivio Storico delle Belle Arti, Padova Maison D'Art.

Alcune sculture sono presenti nei cataloghi editi da EA Editore, Palermo, come: “Annuario di Scultura Contemporanea” a cura di Paolo Levi; Annuario d'Arte Contemporanea “ARTISTI” a cura di V. Sgarbi, 2014; “ECCELLENZE”, Sguardi sulla Scultura Contemporanea a cura di P. Levi, S. Bison, S. Russo, S. Serradifalco, 2015; Mantova – Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea, a cura di Paolo Levi e Sandro Serradifalco, 2017.

Ha ottenuto vari premi tra cui il “Primo Premio” e “Diploma di Merito” al Concorso Nazionale “Modern Art 2013” – Alessandria; il Premio Biennale “Gondola per l’Arte” - Venezia, 2012; il “Premio della Giuria e della Critica” al Concorso Internazionale La Spadarina, Piacenza 2016; “I° Premio della Critica” - Accademia Santa Sara di Alessandria, 2015, e “Prima classificata” al concorso “Italia Mostra 2016” - Alessandria. Il 14 luglio 2019 è stata insignita del Premio Internazionale Michelangelo – ART NOW - Palazzo Brancaccio, Roma.

Contatti: via Ruffano, 29 – 73030 Montesano (LE) Cellulare: 347 3335572

 


Pubblicazioni e mostre

 

La pittura di Mirella Raganato in arte “Rami” sollecita l’osservatore a percorrere sentieri che appartengono agli spazi dell’immaginario onirico, a indagare una tessitura semantica e visiva colta, ricca di riferimenti culturali, in cui simboli di palese significato si affiancano ad altri di più sottile e criptica interpretazione. Attinge infatti ai preziosi insegnamenti della scuola metafisica e surrealista, presupposti che dettano le coordinate strutturali ai suoi dipinti tramite atmosfere sospese tra sogno e realtà.

Dopo anni di studi e sperimentazioni, l’artista salentina che è anche pittrice, scultrice, maestro iconografo e decoratrice è riuscita a raggiungere risultati eccellenti, capaci di restituire al pubblico ogni più intima vibrazione del pigmento, ogni palpito tonale, che crea scenografie surreali di indiscusso coinvolgimento emotivo. Nelle sue opere regna l’equilibrio, pieni e vuoti si susseguono con ordine, svelando gradualmente la riflessione sottesa, con la stessa capacità narrativa di uno scritto poetico.

 

Le pennellate stendono colori brillanti, che rendono la visione vivida, con i personaggi e gli oggetti che sembrano pronti a emergere dalla tela per intrecciare la loro storia alla nostra. tramite lo straordinario uso del colore, che va molto oltre la mera ricerca estetica, rami libera eterogenee potenzialità espressive che derivano da un’indagine interiorizzata. Attraverso una tecnica compositiva di grande suggestione, riesce a produrre contemporaneamente situazioni di energia e di stasi, declinando nell’alternarsi dei colori la dicotomia della forza e della leggerezza. Si ha l’impressione che quello che si vede non rappresenti la circoscritta definizione di un pensiero, bensì un’immagine capace di coinvolgere lo sguardo, accompagnandolo verso lidi sconosciuti, eppure familiari, popolati da presenze oniriche cariche di significati nascosti e da messaggi arcani.

Mirella Raganato cerca nella pittura una possibile risposta ai quesiti che da sempre abitano la mente dell’uomo, mostrando come l’evoluzione dello spirito possa avvenire soltanto se si è capaci di guardare oltre, ma senza dimenticare da dove proveniamo.

Prof. Paolo Levi