PAGINA DELL'ARTISTA EUGENIO BERTI

-clicca per ingrandire
 
Intraillago  
   
   
Eugenio Berti è nato a Vicenza nel 1958. Attratto dall’arte, inizia a dipingere fin dall’età di 16 anni e frequenta i pittori locali che gli danno i primi consigli e un concreto incoraggiamento per continuare.

Quel periodo è durato circa 4 anni, dove ha anche venduto i suoi primi lavori. Autodidatta utilizza il carboncino, l’acrilico e l’olio. Sospesa la pittura continua a coltivare la passione artistica frequentando mostre e gallerie d’arte e praticando altri interessi artistici.

Dal 2000 ha ripreso i pennelli in mano, attratto dall’impressionismo, ricerca con il colore l’emozione della luce, da cogliere dall’ambiente che ci circonda.

Ha partecipato a una personale alla 250° fiera montebaldina di Caprino Veronese ed a un collegato concorso "en plein air" su tema, 1-5 agosto. Collettiva "6° edizione di Trastevere in arte" a Vicenza, a due edizioni di arte sotto i portici di monte berico.

Hanno scritto di lui:

Da contrà del Monte dove si fissa lo scorcio della Basilica Palladiana al ponte delle Barche, dai portici di Monte Berico a ponte Furo, dalle scene di mercato ai paesaggi. E’ un diverso modo per Eugenio Berti, di aderire agli aspetti della vita che si scopre attraverso le sue opere. Brani legati alle visioni della città, posti accanto ad immagini della realtà urbana, sono resi sonori dall’intensità decorativa del colore. Per altri luoghi esiste una risposta cromatica diversa, molto vicina ad uno stato dell’animo sereno e distaccato.
Maria Luisa Ferraguti 3/07/2004

Nel vasto mondo pittorico Eugenio Berti coglie con naturalezza lo spirito dei luoghi che gli si confanno e ritrae con verismo dalla campagna Veneta, alle scogliere Bretoni, dagli scorci della città di Vicenza fino agli intimi ritratti di famiglia…
Renato De’ Paoli 19/06/2005

I dipinti di Eugenio Berti raffigurano piccoli scorci di ambienti cari a tutti noi, perché spaziano da quelli urbani ad altri di ogni genere, marittimi, di campagna o montani. Eugenio Berti sa infondere ai luoghi dei suoi quadri una gradevolezza che colpisce lo sguardo anche meno attento, e riesce, con molta semplicità e naturalezza, ad aggiungere una rara poesia visiva alle località che rappresenta.
Andrea Mucciolo 26/09/2207

Quadri che appaiono come fotografie di ricordi. Scorci di paesaggi ricreati da una malinconica e sensibile memoria in grado di farli rivivere su tela per renderli così: immortali. La bellezza dei dipinti di Eugenio Berti fonda il suo punto di forza nella tecnica pittorica raffinata, nell’attento studio dei colori e nella minuziosa attenzione per i dettagli. Paesaggi in grado di suscitare emozione, anche in chi non li ha mai realmente percorsi e mai li percorrerà.
Jean Marc Mangiameli – OK ARTE Milano, 05/06/2008

Opere che trovo al quanto interessanti e dalle quali, a parer mio emerge evidente, ancorchè l'autentica passione per l'arte, un'ottimo talento quanto del resto una buona preparazione tecnica.
Remo Alessandro Piperno - Direttore della Casa Editrice CIDA, 07/09/2010

Cipressi d'Orcia. - Il motivo della mia scelta risiede nell'emozione che l'opera riesce a darmi in questo preciso momento della vita. Secondo il mio personale parere l'opera di Berti mi parla di equilibrio, di serenità ; di bellezza come espressione di “armonia”. E le campagne toscane sembrano in questo essere maestre. Espressione dunque di grande riposo, di splendida contemplazione, di perfetta armonia . Onesta la luce del cielo con sbuffi di nuvole che chiudono la cornice superiore del tema. Arcobaleni di colline cinti dal verde in segno di speranza e file di cipressi schierati come pacifici soldati su tappeti biondi e ramati e quell'ombra vivace del cipresso che chiude il tutto in grande bellezza, compiutamente al pieno rispetto della natura da parte dell'uomo.
Francesca Melle, 19/02/2014

Lo stile è certamente l'uomo. La serenità e la grafia pare si assommino in energia: il segno magistrale si riassorbe e si espande in purezza espressiva di cieli e angoli pieni di squisito gusto pittorico. Eugenio Berti è un chiarista puro e il suo linguaggio grafico sotto la brillante stesura dei chiari e decisi colori c’è un occhio vigile di un cuore autentico d’artista. I suoi paesaggi sono di una tenuità lirica e luminosa, priva di complessi: chiari e resi come emozioni. Ricordano quella luce mattinale, quell’attimo poetico, quel mondo luminescente e colmo di silenzio. Le contrade dei borghi solari e i notturni sono semplificati, ridotti a motivo unitario, impostati con un certo impeto, solidi e risentiti nello stacco dei piani e nelle cangianti stesure dei delicati colori resi evanescenti, pervasi da un sentimenti di elogiaca effusione. Le opere di Eugenio Berti raggiungono un buon livello di dignità artistica, perché non sono semplicemente oggettive rappresentazioni, ma espressioni di una visione personale, da cui emana un senso di vitalità sana, di serenità virile, con un alone di tenerezza. Eugenio Berti è abbastanza moderno per l’importanza preminente che dà al colore e per la delicatezza con cui si pone davanti al vero per trarne un concetto formale; è poi immune da preoccupazioni di aggiornamento per partito preso, in virtù di una onestà e sincerità, che sono doti anche quelle di un temperamento genuino.
Vicenza, 19.03.2015 - Enzo Ronchetti


L’artista crea una realtà altra in cui si consuma, una lotta costante tra quello che è e quello che vorrebbe che fosse, tutto si crea sotto l’impulso di emozioni bipolari e tutto lì dove ogni sensazione è lecita, lì dove tutto è possibile, lì dove la sua essenza può tradursi in semplici tocchi di rosso....bellissimo e complimenti. Caterina de Luca. 28 febbraio 2018